Tre lettere per proteggere e per proteggersi – IOAD 2021

Anche quest’anno partecipiamo alla Campagna Internazionale di Sensibilizzazione alle Overdose (International Overdose Awareness Day, IOAD) che tradizionalmente ha luogo il 31 agosto di ogni anno. Saremo al Drop In UDS della ASL Napoli 1 Centro, in via Postica Maddalena 42, dalle 10 alle 12!

Per questo 31 agosto 2021 abbiamo scelto di tenere un incontro di due ore, di formazione e informazione: l’incontro sarà tenuto da operatrici e operatori pari, professionistə sociosanitarə e, soprattutto, da noi, persone che usiamo droghe.
La linea direttrice che guida le nostre azioni nel 2021 è ancora una volta I WANT TO BE PEER, una campagna con cui coraggiosamente cerchiamo di stimolare quella trasformazione culturale tanto essenziale: riconoscere che le persone che usano droghe sono pari a tutte le persone. E proprio in quanto tali, e grazie ai nostri percorsi di utilizzo di droghe e di navigazione del mondo dei consumi e delle vendite, abbiamo appreso informazioni, vissuto esperienze, sviluppato competenze oltremodo necessarie nel 2021 per chi vuole realmente attuare una riduzione del danno che sia efficace, pragmatica, umana e scientifica.

Perché una parte fondamentale proprio della riduzione del danno è la lotta allo stigma: lo stigma che ci relega ai margini della società, che ci vede senza casa, senza lavoro, senza relazioni; lo stigma che chi ha più potere è onerosamente chiamato a rimuovere, insieme a noi, dal nostro impervio cammino. Insieme a noi perché niente su di noi senza di noi non rimanga un mero slogan altisonante e vuoto di contenuti: parte di questo cammino è anche stimolare e facilitare l’empowerment delle persone che usano droghe, colpite dalla guerra alla droga che riflette a pieno un sistema sessista, razzista, abilista e classista, dove le condizioni di partenza – oggi come mai prima d’ora – non risultano affatto eque e giuste per ognunə di noi. Questo cammino è possibile anche grazie alla riconquista dei nostri spazi: a partire dalla strada, come abbiamo fatto con il nostro Manuale di Sopravvivenza in uno Stato Proibizionista, fino ad arrivare ai servizi, in cui le persone che ne beneficiano debbono partecipare attivamente all’ideazione, alla costruzione e alla messa in atto delle pratiche di riduzione del danno più basilari. Un cammino per vederci riconosciute come persone, con i nostri doveri e soprattutto con i nostri diritti inalienabili: diritto alla salute, diritto al lavoro, diritto all’istruzione, diritto al benessere psicofisico, diritto di usare droghe, diritti umani, diritto alla costruzione di una vita piena e soddisfacente.

Senza dimenticare che oggi le overdose sarebbero ancora più evitabili se esistessero servizi di drug checking estesi capillarmente sul territorio italiano, se il DPCM del 2017 che inserisce la riduzione del danno nei Livelli Essenziali di Assistenza fosse recepito e attuato da più di una sola regione (il Piemonte), e se cominciassimo seriamente a parlare di decriminalizzazione e depenalizzazione, è sempre tenendo a mente tutto ciò che abbiamo organizzato questo evento: due ore durante il quale vi parleremo di overdose da diverse sostanze psicoattive, non solo oppiacei derivati né eroina, per riconoscerle, intervenire e sensibilizzare sull’argomento; per conoscerle, educare e educarci. Mettiamo in campo le nostre conoscenze!

evento Facebook

#IOAD #IOAD2021 #EndOverdose #BastaOverdose #EndWarOnDrugs #BastaGuerraAllaDroga #PUD #PWUD #PWUID

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *