Dichiarazione della società civile su COVID-19 e le persone che usano droghe

Questa dichiarazione, approvata da oltre 300 organizzazioni e individui, è stata sviluppata da INPUD in collaborazione con l‘International Drug Policy Consortium e Harm Reduction International. Una copia PDF di questa dichiarazione con un elenco di specializzazioni, nonché traduzioni in spagnolo, francese e russo, è disponibile per il download qui sotto.

Noi, come organizzazioni della comunità civile e della società che lavorano nella riforma della politica sulle droghe e nella riduzione del danno, sollecitiamo la comunità internazionale a intraprendere azioni proattive e coordinate per proteggere la salute e i diritti umani delle persone che usano droghe alla luce della crisi COVID-19.

L’infezione da COVID-19 non discrimina, ma amplifica le disparità sociali, economiche e politiche esistenti. Le persone che usano droghe sono particolarmente vulnerabili a causa della criminalizzazione e dello stigma e spesso sperimentano condizioni di salute precaria, tassi più elevati di povertà, disoccupazione e qualcuno tra loro è senza fissa dimora, spesso hanno  impossibilità di accedere  a risorse vitali, mettendole a maggior rischio di infezione. Questa crisi  deve essere un’occasione per ripensare la funzione di un approccio punitivo, riformare il sistema e lavorare per porre fine alla guerra alla droga. Se vogliamo una società sana  , anche la salute dei più emarginati nella deve essere protetta come una priorità urgente.

In tempi di crisi, incertezza e sconvolgimento è indispensabile che i diritti umani siano un punto di riferimento. Particolare attenzione deve essere data perché l’accesso all’assistenza sanitaria non sia discriminatorio Un’attenzione vigile deve essere prestata all’accesso  all’assistenza sanitaria non sia discriminatorio ma  alla dignità umana e alla trasparenza. Molti governi sottolineano che stiamo combattendo una “guerra”:  l’uso di tale terminologia giustifica un approccio militarizzato che consente la sospensione dei diritti e delle libertà. La storia dimostra che i poteri straordinari sono sistematicamente schierati contro i più perseguitati nella società, che rischiano di essere” capri espiatori” in nome del controllo delle infezioni. Man mano che vengono dichiarati gli stati di emergenza, la comunità internazionale deve sollecitare cautela nella creazione di una “nuova normalità” dove gli Stati derogano al loro obbligo di servire e proteggere tutte le persone.

La mancata gestione  o una gestione inefficace dell’emergenza   COVID-19 avrà per risposta conseguenze disastrose. La comunità internazionale, cosi come i donatori internazionali, devono agire immediatamente per garantire, attraverso linee guida,  sostegno finanziario e politico, che le risposte nazionali, regionali e globali a questa pandemia tengano conto delle esigenze delle persone che usano droghe e rispettino i diritti fondamentali di tutti .

Pertanto suggeriamo le seguenti raccomandazioni:

  1. Proteggere il diritto alla salute: in periodi come questi, i governi hanno l’obbligo di garantire che una crisi della salute pubblica non diventi una crisi dei diritti umani a causa della mancanza di accesso a un’adeguata assistenza sanitaria. Sulla scia del COVID-19, tuttavia, vi è una forte preoccupazione per la possibile chiusura dei servizi di riduzione del danno, che in alcuni casi possono essere coinvolti in negativo dal cambiamento dei  contesti legali e sanitari. Vi è il timore  che le risorse essenziali siano dirottate alla emergenza COVID-19 o  a spese di interventi  salvavita. Norme inadeguate e restrittive  nell’ambito delle terapie sostitutive ( metadone, buprenorfina ecc)  vietano o limitano le dosi da portare a casa e altre forniture rendono estremamente difficile il rispetto dei blocchi e delle regole di allontanamento fisico dal proprio domicilio . Gli addetti alla riduzione del danno segnalano disagio per la scarsità di risorse, la mancanza di politiche coerenti e linee guida del programma su COVID-19 e potenziali interruzioni dell’approvvigionamento globale di medicinali e attrezzature essenziali, tra cui metadone, buprenorfina, naloxone, aghi e siringhe, disinfettanti, maschere e guanti.

La comunità internazionale deve agire rapidamente per garantire che gli Stati rispettino i propri obblighi internazionali per proteggere il diritto alla vita e alla salute. Ciò può essere fatto emettendo solide dichiarazioni politiche e una guida tecnica chiara e completa, basandosi sulle linee guida dell’OMS e dell’UNODC e sui regolamenti nazionali COVID-19, che invitano  inequivocabilmente a:

Dichiarare i programmi di riduzione del danno come servizi salvavita che devono rimanere aperti. La chiusura dei centri di riduzione del danno priverebbe gli utenti dei servizi di accedere a interventi salvavita e alla fine porterebbe a un sovraffollamento di quei centri che invece rimangono aperti, aumentando il rischio di infezione.

Modificare immediatamente le politiche legali e regolamentari restrittive che vietano o limitano le dosi da portare a casa ( le consegne)  a causa della paura del misuso  e che limitano la fornitura di naloxone ( narcan)  da portare a casa per prevenire il sovradosaggio ( overdose)

Migliorare l’accessibilità del servizio, sviluppare e attuare protocolli di sicurezza e igiene e coordinare gli sforzi all’interno del sistema sanitario per consentire un’efficace distribuzione delle risorse.

Riconoscere gli operatori della riduzione del danno come operatori sanitari a rischio  in modo che possano accedere alle scorte governative di indumenti protettivi ( maschere, guanti) riconoscendo quindi il lavoro della bassa soglia come operante in condizioni critiche

Proteggere ed espandere il funzionamento dei servizi a bassa soglia, compresa la sensibilizzazione, nonché fornire alloggi per coloro che si trovano ad affrontare l’insicurezza abitativa.

Finanziare adeguatamente i servizi di riduzione del danno, in particolare i servizi a bassa soglia.

2. Garantire un approvvigionamento sicuro: le chiusure delle frontiere e i divieti di viaggio in tutto il mondo avranno un impatto sulla futura fornitura di sostanze non regolamentate l’eroina e la cocaina. Ciò avrà una serie di ripercussioni, incluso un aumento della domanda di terapia sostitutiva con oppiacei (OST). Di particolare preoccupazione è che droghe sintetiche come il fentanil, che sono più facili da produrre e trasportare, potrebbero sostituire sostanze più voluminose come l’eroina, il corollario di questo è un aumento esponenziale delle morti per overdose.

 .

Alla luce di quanto sopra, gli organismi internazionali e regionali devono collaborare con gli Stati membri per:

Monitorare le tendenze dei mercati delle droghe illecite per fornire una risposta rapida alle tendenze pericolose ed emergenti, come un aumento del rischio di decessi per overdose.

Garantire un maggiore accesso a OST per rispondere ai cambiamenti nella fornitura di droga, attraverso procedure di ingresso accelerate e flessibili.

Depriorizzare l’applicazione del controllo dal lato dell’offerta al fine di mantenere una certa stabilità nei mercati delle droghe illecite e prevenire la saturazione del mercato delle droghe sintetiche.

Rispondere a potenziali interruzioni nella produzione di metadone e buprenorfina e intervenire quando vengono rilevati i primi segni di problemi con la gestione della catena di approvvigionamento.

3. Proteggere il diritto alla libertà dalla detenzione arbitraria: la crisi COVID-19 ha messo in luce i pericoli per la salute pubblica del sovraffollamento nelle carceri e nelle strutture di detenzione che sono tradizionali focolai di malattie infettive. Secondo i dati delle Nazioni Unite, almeno 470.000 persone sono incarcerate in tutto il mondo solo per uso e possesso di droghe, mentre altri 1,7 milioni di persone sono incarcerate per altri reati di droga, molti dei quali non violenti. Inoltre, nell’Asia orientale e sud-orientale, centinaia di migliaia di persone che fanno uso di droghe sono detenute in strutture obbligatorie di detenzione di droga, mentre altre decine di migliaia sono detenute in centri privati ​​di trattamento della droga, spesso contro la loro volontà, in Asia e in America Latina. In tali contesti, le misure di prevenzione COVID-19, come l’allontanamento fisico, non possono essere implementate in modo efficace. Ulteriori restrizioni alle visite familiari e alle liberazioni supervisionate aumentano l’isolamento e lo stress durante un periodo di paura, portando ad un aumento della violenza, delle rivolte e degli assalti.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha sollecitato i governi a ridurre il numero di persone detenute, in particolare quelle senza sufficiente base giuridica. In considerazione di ciò, la comunità internazionale deve garantire che gli Stati agiscano per:

Decriminalizzare l’uso e il possesso di droghe per uso personale come promosso dal sistema delle Nazioni Unite e delineato nella posizione comune delle Nazioni Unite sulla droga.

Ridurre la popolazione carceraria mediante liberazione anticipata, grazie, amnistie e alternative non coercitive all’incarcerazione per le persone detenute per reati non violenti legati alla droga, in particolare quelli in custodia cautelare e le persone più a rischio, comprese le persone che vivono con l’HIV, TB e BPCO, nonché le persone anziane. Rilasciare immediatamente le persone che usano droghe da centri di detenzione di droga obbligatori e da centri di trattamento di droga privati ​​che applicano misure coercitive, compresa la detenzione involontaria

4. Proteggere le libertà civili e politiche: molti governi, come parte delle misure di contenimento di COVID-19, stanno limitando le libertà civili in modi senza precedenti, attraverso la sorveglianza di massa, incluso il monitoraggio dei dati dei telefoni cellulari, la limitazione dei movimenti e il divieto delle assemblee pubbliche. Autorità come la polizia e il personale dell’esercito sono autorizzati a fermare chiunque per strada, aumentando la possibilità di interazioni ostili con le persone che usano droghe, in particolare quando hanno bisogno di acquistare droghe o viaggiare per appuntamenti sanitari. Il potenziale uso improprio dei dati personali, in particolare quando si tratta di popolazioni criminali, è fonte di grave preoccupazione.

In una dichiarazione congiunta, gli esperti delle Nazioni Unite hanno esortato gli Stati, in conformità con i Principi di Siracusa, a prestare attenzione quando applicano le misure e le restrizioni relative a COVID-19 che possono incidere sui diritti umani, nonché a limitarne la durata e sottoporle a revisione periodica . Sulla base di ciò, esortiamo la comunità internazionale a:

Garantire che le dichiarazioni di emergenza e i poteri straordinari più ampi concessi in base alle risposte COVID-19 non siano utilizzati per colpire popolazioni specifiche o dispiegati per mettere a tacere e reprimere i difensori dei diritti umani.

Stabilire garanzie legali basate sui diritti per disciplinare l’uso e la gestione adeguati dei dati personali per proteggere la privacy e la riservatezza.

Garantire che multe esorbitanti dovrebbero essere utilizzate solo come ultima risorsa e le circostanze personali prese in considerazione, in caso di violazione delle misure di protezione.

5 Problemi globali come la pandemia COVID-19 richiedono soluzioni globali. Esortiamo la comunità internazionale a prendere provvedimenti urgenti per garantire che i diritti e la dignità intrinseci delle persone che fanno uso di droghe siano rispettati e difesi ai tempi di COVID-19. La pandemia ha messo a nudo i fallimenti all’interno delle nostre società. Indubbiamente una sfida seria, COVID-19 non deve essere sfruttato dai governi per sospendere indefinitamente i diritti e le libertà di base, ma essere un campanello d’allarme per cambiare e riparare un sistema rotto che è stato eccessivamente focalizzato sulla punizione delle persone che usano droghe, una politica che ora sta esacerbando i pericoli di COVID-19. La fallita guerra alla droga deve finire e i sistemi sanitari e politici devono essere riformati per garantire la salute e il benessere di tutti.

https://www.inpud.net/sites/default/files/Covid%20PWUD%20Statement%20-%20FR.pdf

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *